#83483
luvi
Membro

:D… anche io e Lilliput… era quasi un anno.. prima perchè non mi piace girare in moto con la pioggia e il freddo.. (insieme)…poi per varie ed eventuali poi perchè senza fug non mi piace vagabondare in moto…:D

ogni tanto andavo in garage ad accenderla.. si perchè lei è una “vecchio tipo” di quelle che si scarica la batteria se non l’accendi uan volta al mese…ma il cui tagliando costa 30 euro..:D… ma che per arrivare ai cavi della batteria bisogna smontare la marmitta…oltre alla sella e a mille altre cose;)

io ho fatto finta di niente… non ci credevo dopo orizzonti neri all’infinito con le parole magiche del dott del ginocchio… fugzu era tutto pimpante.. fino a quel momento sembrava che avrebbe avuto un arto di legno per sempre..;)

va a prendere la Beta, si mette a sistemare sella e fiancatina.. poi passa alla Ta…smonta la sella e ritrova, non subito, la batteria … provvidenzialmente arriva un ragazzo sul piazzale che ha le chiavi della rimessa dove sono i cavi e la macchinetta caricabatteria… Gipsy parte scoppiettando alla prima… ma la sua voce è BRUTTA, flebile, metallica e sottile.. esce fumo bianco… io e fug ci guardiamo negli occhi, che tristezza, dov’è la sua bellissima voce, il suo borbottare cupo UNICO, che io ADORO ?

Poi come una vecchia signora abbandonata da sola da lungo tempo riacquista la memoria e la sua vecchia identità… Gipsy CANTA di nuovo! :)

da vecchia zingara capricciosa .. prima di ripartire deve essere rimessa in moto con i cavi e la mia… peugeottina nuova.. (vuole provare anche questa nuova esperienza, lei) poi dopo 5 euro di benzina… ma quanto costa ora un pieno ? andremo in giro con le ampolle di questo preziosissimo liquido? ;)

partiamo per la “strada più liscia e meno trafficata”.. per la prova guida.. Fugzu sembra a suo agio.. io ho un fondo di..TERRORE :)

la strada per l’Acquerino.. non mi spaventa , è dove ho guidato per la prima volta.. curve larghe e lisce, nessuno..:)

non capisco.. la moto va da sola, i miei piedi, le mie mani sulle leve, inclino, ascolto il canto della mia piccola..

le vecchie paure sono lontane come i quasi 12 mesi di abbandono… cerco le traiettorie e non vado forte…

è così naturale questo piacere dimenticato…

torno alla realtà quando seguendo fug (cosa sempre pericolosa;)) mi tocca fare una inversione a U in discesa con macchina ferma in fondo e persone che guardano.. PANICO.. ma non faccio danni.. e appena sulla stradina che taglia le colline in quota mi godo le traiettorie e il mezzo sole che filtra tra i rami…si ripete un’altra inversione… sempre un po’ con la sindrome di pinocchio mi rigiro…poi tutto scorre liscio, ondeggiante e piacevole…ritorniano alla realtà con il traffico della Porrettana ma il nostro momento di Paradiso l’abbiamo già catturato… neanche le rade gocce d’acqua mi danno fastidio.. io che ho il TERRORE del bagnato..mah..

forse ogni tanto bisogna mettere un punto, fermarsi, per far sedimentare il brutto, le paure e ricominciare da capo, solo col bello e il piacevole…del passato e del futuro? :D