• Questo topic ha 24 risposte, 17 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 15 anni, 1 mese fa da Jack.
Visualizzazione 24 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #45452
      pacman
      Membro

      Ciao,

      vi interpello per chiedere un consiglio sui GPS. Premetto che ho gia’ letto tutti i vari messaggi sul nostro forum e su altri ma non ne ho tratto la decisione definitiva.
      Mi sarei orientato su due modelli:
      – GARMIN QUEST 2
      – TOMTOM RIDER
      Il Garmin fa gps da molti anni e quindi dovrebbe essere migliore ma: ha 250 mb di memoria e quindi se voglio fare un viaggio spagna (per esempio) devo cancellare parte delle mappe e caricare le nuove, se ci metto anche i vari supporti per moto (senza non ho l’audio) il prezzo si avvicina di molto al TOMTOM, sono andato in un negozio e l’ho visto acceso: schermo piccolo e mappa con freccina secondo me difficilmente visibili
      Il TomTom costa di piu’ ma ha tutto quello che serve, ha l’italia caricata su una scheda SD, se vado in Francia sostituisco la scheda ed ho immediatamente il nuovo stato (…), la grafica e’ ottima.

      Ma sinceramente non so decidermi! ACCETTO CONSIGLI!

      Grazie

      Pacman

    • #75376
      Ultimo
      Partecipante

      Bella domanda…

      Sono il top dei navigatori per moto credo….

      Whale ha il Grmin Quest, ma non conosco nessuno che abbia il Tom Tom Rider.

    • #75380
      Decibel
      Partecipante

      Io ho il tom tom per il cellulare e mi trovo benissimo!

    • #75386
      Jack
      Partecipante

      Anche io ho io Tom Tom per il cellulare e tra le cose che ha in + degli altri c’è la segnalazione degli autovelox…

    • #75406
      Mago di ozz
      Partecipante

      anche io ho il tom tom per il cellulare e mi trovo benissimo.. ho anche acquistato su ebay il supporto per le moto e mi pare fatto bene.. peccato che per i prossimi tempi mi servira sul camper..:-))

    • #75410
      coccodrillo
      Partecipante

      Mago quante storie con ‘sto camper! Hai voluto la bicicletta?…

    • #75414
      Mago di ozz
      Partecipante

      cocco… vabbe che siamo atletici.. ma il camper a pedali non lo hanno ancora inventato.. :-)))

    • #75488
      Baghera
      Membro

      Ciao Pacman: ho uno StreetPilot e un GPS72 di Garmin da alcuni anni e , specialmente l’ SP è sempre sul manubrio dell’Africa. Mai avuto problemi anche sotto acqua. Della Garmin posso dire che si è sviluppato un mare di sw parallelo che ti permette di gestire mappe “non garmin” e di caricare waypoint, rotte e quant’altro sul navigatore. Inoltre, la disponibilità di mappe garmin è notevole e vengono continuamente rilasciati nuovi firmware per aggiornale l’unità. Per mezzo dei vari settaggi puoi caricare punti da mappe cartacee militari, foto da satellite e scaricare dal navigatore rotte e punti interfacciandoli con mappe digitali e Google Eart. Ho smanettato con il Quest di un amico e se consideri che le mappe delle nazioni sono frazionate in porzioni, ti carichi quello che ti serve mentre la cartografia generica (al livello strade provinciali di tutta europa) è residente nell’unità. Nel quest (256 mb) ho caricato porzioni di mappe per il viaggio di un amico a Capo Nord.

    • #75489
      Bierhoff
      Partecipante

      ma un tom tom go normale anzichè il rider? il 300 costa la metà del rider … non ci capisco molto e i consigli sono ben accetti

    • #75497
      Baghera
      Membro

      .il TomTom normale non è impermeabile….affonda!! Solo il Rider non fa acqua.

    • #75498
      bibendum
      Membro

      Ma la bussola? Il sestante? le Stelle? il sole e l’orologio? le piantine? Io non vorrei polemizzare inutilmente ma questi gingilli elettronici non sono un po inutili? voglio dire, difficilmente da noi possono essere veramente utili al 100%, abbiamo strade e autostrade, indicazioni e segnaletica, non viviamo in un deserto o nella tundra dove trovare persone a cui chiedere informazioni potrebbe essere difficile, quindi spiegatemi perchè voglio capire la necesità di questi apparecchi elettronici. Non credo che sia solo un fatto di moda e costume, sono giocattoli costosi, il cui utilizzo continuo a pensare sia inutile, a parte qualche caso di chi per esempio parte per giri nel deserto o viaggi verso est, o al limite di chi ha un gommone o una barchetta (in mare credo sia indispensabile). Aiutatemi a capire, è un’oggetto che sarà destinato, come il cellulare che inizialmente era utilizzato per lavoro fino a diventare un oggetto di culto, per cui un giorno tutti (inutilmente) lo avranno pensando di non poter più uscire di casa senza? spero non sia così perchè allo spinotto nel culo, per essere connessi in rete, a questo punto non siamo molto lontani />;-)” title=”>;-)” class=”bbcode_smiley” />, e vorrei cercare di evitarmelo … lo spinotto … tempo fa si parlava di caschi collegati via blu tout col cell., altro esempio di come si potrebbero spendere soldi inutilmente. Sinceramente non capisco questo rincorrere la tecnologia, certo compito delle aziende è guadagnare e proporre oggetti utili e futili allo stesso modo per incrementare le vendite e il business, far girare l’economia ecc. ecc., io mi faccio delle domande e vorrei capire se altri la pensano come me o se sono una mosca bianca. </p>

		
	</div><!-- .bbp-reply-content -->
</div><!-- .reply -->
</li>
<li>

<div id=

      #75499
      Bierhoff
      Partecipante

      w la tecnologia se ci può dare una mano. per quanto riguarda il navigatore ancora non ce l’ho e 700 e passa euro non ce li spendo solo perchè so che il prossimo anno il tom tom raider lo si trova alla metà, ma mi sarebbe servito più di qualche volta … e non dico solo per un viaggio ma proprio nell’uso cittadino …

    • #75505
      pacman
      Membro

      Ciao,

      provo a rispondere alla domanda di bibendum, almeno per quello che mi riguarda.

      Il navigatore non mi serve per andare nel deserto ma per girare per Milano e dintorni per lavoro (io giro in moto per cantieri). Qualche volta lo userei per qualche uscita godereccia (ma ormai sono molto poche). In realta’ ti do’ ragione, il mio problema e’ che appena uscito dal mio quartiere mi perdo!!!! ho una personale limitazione nel ricordare le strade (Floriana dice che dovrei appendermelo al collo), quindi ecco la decisione del navigatore.
      Ti do comunque ragione, se non ho sei macchine che mi suonano dietro, un motorino che mi vuole staccare lo specchietto per superarmi ed i vigili che mi guardano male, anche io preferisco chiedere la via ad un passante!

      Ciao

      Giuseppe (Pacman)

    • #75515
      WHALE
      Membro

      Lo sto usando da un anno (il Quest)e penso che sia un buon aiuto per chi viaggia.

      Lo abbiamo collaudato in un viaggio lungo quest’anno in Spagna; avendo le cartine porzionate ho caricato quelle che mi servivano per un tragitto fino a Santiago de Compostela. In pratica ho caricato: Italia nord-occidentale, francia del sud, catena dei Pirenei, Spagna del nord e Portogallo del Nord.

      Abbiamo percorso strade che altrimenti non avremmo mai percorso perchè con i cartelli stradali viaggi sempre nelle direttrici principali. Non ho stressato Ilaria nella lettura ed interpretazione delle cartine e quindi si è goduta il paesaggio.

      E’ aggiornabile tramite il sito della Garmin.

      Quando scendo dalla moto me lo metto in un taschino.

      Posizionato sopra il cruscotto è molto più sicuro e leggibile.

    • #75625
      BINGO
      Membro

      Occhio, il Quest2 ha tutta la cartografia europea già caricata all’interno e 246 mb dedicati a caricare mappe supplementari (es. cartografie marine o eventuali aggiornamenti), tutta la cartografia europea dettagliata inclusa nel prezzo, e la possibilità di reperire le cartografie di Croazia e Slovenia (opzionali fornite dai gestori Croguide/Ariaroute), le cartografie dettagliate x l’estero sul TOM TOM rider sono opzionali, quelle in dotazione sono relative alle strade principali. L’autonomia è a favore del Garmin che in teoria non richiederebbe nemmeno l’alimentazione dalla moto, (indispensabile x il Tom Tom), anche la tascabilità è a favore del Garmin che oltre a dare un vantaggio per chi utilizza il gps anche per l’escursionismo, permette la totale messa in sicurezza dello strumento nel taschino della giacca.
      Il Tom Tom è superiore x il display più grande e meglio riparato dai riflessi, per i comandi sul display studiati appositamente per chi viaggia in moto, e per la dotazione accessori completa: staffa fissaggio, auricolare bluetooth e interconnetività con i cellulari bluetooth.

    • #76044
      BINGO
      Membro

      AGGIORNAMENTO PREZZO TOM TOM RIDER :
      599.00 EURO

    • #76050
      Bierhoff
      Partecipante

      ottimo, per il momento è fuori badget però … vedremo quello che “rimane” dopo il GS :)

    • #76142
      Leopardo
      Membro

      Ho il TOM TOM sul cellulare e lo trovo un tool eccezionale. Non lo uso per il deserto ma nella giungla cittadina. Riesco ad arrivare da per tutto. E’ anche di compagnia perche’ una vocina a tua scelta di dice gira a destra o a sinistra. Non ho caricato gli autovelox perche’ non ho il file. Il TOM TOM fornisce anche altre informazioni utili come benziani, punti di interesse turistico ecc. L’ unico difetto che riscontro nell’ uso dei navigatori e’ che piano piano ti impigriscono. Colgo l’ occasione per chiedrvi chi ha mappe e altri files utili per il Tom Tom cellulare. Grazie Leopardo

    • #76165
      pacman
      Membro

      Ciao,

      per le mappe e’ un casino in quanto sono protette bene quindi …
      per i punti di interesse (tipo autovelox) trovi un sacco di cose su http://www.poigps.com

      ciao
      pacman

    • #76171
      fable
      Membro

      se ti può consolare Bibe io la penso esattamente come te, ma non lo dico in giro se no passo per quello troppo retrò che usa ancora le cartine, chiedere informazioni alla gente locale e ama perdersi ;-)

      lo trovo invece uno strumento utile per chi lavora viaggiando, tipo rappresentanti ecc.

      se comprerò un gps sarà non cartografico, per l’uso nel deserto e per tracciare i giri nell’enduro… ciao

    • #76206
      Biga
      Membro

      io da circa un anno sto utilizzanto un garmin 2610 lo uso tutti i girni in auto per lavoro. in moto ho montato il supporto della touratech si scrive così, boo, collegando il cavo di alimentazione direttamente alla batteria, non ho avuto problemi neanche quando piove.
      per le mappe si usano delle normali compactfalsh inserite in un apposito vano con chiusura ermetica, viene fornito con una compactfalsh da 250mb con l’italia precaricata, io utilizzo una compactfalsh da 1gb ci stà un casino di mappe. Molto comodo è il telecomando alfanumerico (specialmente in auto). di solito carico gli itinerari a casa, poi se necessita utilizzo il calolo rotta automatico per le varianti improvvisate. L’unica pecca secondo mè è il costo. varie info http://www.gpscomefare.com

    • #76715
      giampa
      Membro

      Tutto ciò che ho comprato finora di elettronico è finito nel cesso!, compiuter incluso che uso solo per collegarmi con voi, è giusto come ha detto leopardo, queste cose impigriscono e tolgono i rapporti tra le persone, penso sia più utile scervellarsi nel trovare un luogo, saper leggere una cartina o una mappa, saper usare una bussola, fermarsi a bordo strada e scambiare due parole con un passante e chiedere informazioni… ecc… e specialmente quando siamo in vacanza. per un rappresentante o per chi viaggia in zone remote il discorso è diverso. CIAO. PS tutta questa tecnologia, i cellulari e i centri commerciali ci stanno sterilizzando.

    • #76741
      coccodrilla
      Partecipante

      …intanto…..caro Giampa…. domenica ci hai portato dentro un centro commerciale….. e alla fine ti abbiamo pure cercato per andar via!!! :-)

    • #76887
      Gallo
      Membro

      io sara’ che faccio trekking e le carte le leggo…ma senza la buona vecchia cartina alla mano(meglio su borsa serbatoio..eheheheh)non mi trovo! E poi hai ragione a dire che impigrisce… ah-ah-ah-ah-Staying alive… dicevano quelli tempo fa!eheheh

    • #76897
      Jack
      Partecipante

      In linea di massima anche io sono sempre stato abbastanza contrario… mi piace sfruttare il mio senso dell’orientamento, guardare una cartina ed eventualmente perdermi… questo quando sono in giro a zonzo, in macchina o moto che sia… però quando sono in giro per lavoro il discorso è diverso… appuntamenti nelle città dove non sono mai stato con tempi per il trasferimento inesistenti, nei poligoni industriali dove c’è l’abitudine di non mettere le targhe con i nomi dlle vie e tanto meno i numeri civici… in queste situazioni, da quando ho messo il TomTom sul cellulare, vivo molto meglio, non intaso le strade per leggere cartine e nomi delle vie, mi segnala gli autovelox e le zone ZTL… e tanto ancora…

Visualizzazione 24 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.