FrontPage Forums Motociclisti NetRaiders tubeless o camera d’aria nel fuoristrada non professionale

  • Questo topic ha 13 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 7 anni, 1 mese fa da JOR.
Visualizzazione 13 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #50112
      Ribolson
      Membro

      CERCHI A RAGGI PER TUBELESS

      Le ruote con cerchi a raggi predisposti per pneumatici tubeless montano cerchi con canali sigillati brevetto KTM. I diametri da 21″ e 18″ sono la scelta inevitabile, considerate le ambizioni in fuoristrada della Adventure R. I cerchi montati sulla 1190 Adventure R uniscono tutti i vantaggi degli pneumatici tubeless (facilità di montaggio e migliore dinamica grazie all’assenza della camera d’aria interna) alla stabilità e la robustezza della ruota a raggi. Questa configurazione rende i cerchi della Adventure R molto più resistenti rispetto a tutte le ruote in lega e a raggi della concorrenza, un vantaggio in più soprattutto nel fuoristrada impegnativo.”

      Tratto dal sito ufficiale di KTM italia

      Possono esistere diverse opinioni sul come si fa turismo, e con che cosa e dove?

      Possono esistere diverse opinioni su come e con che cosa si va in fuoristrada?

      Cosi  solo “pour parler” fra motociclisti 

      Un cordiale lampeggio

       

       

    • #146745
      Sacks
      Partecipante

      Beh…quello lo dice ktm. Che avrà brevettato un suo modo per sigillare i raggi ma non è l’unica. Jor sulla sua 990 ha fatto fare lo stesso lavoro da una ditta qui in italia.
      Io sulla mia ho le ruote tubeless sui cerchi a raggi ma li vorrei in lega perché sono più facili da pulire….pensa te:-)

    • #146746
      Theo
      Amministratore del forum

      Opinioni e pareri.

      Ognuno preferisca quello che vuole. Sicuramente le due soluzioni hanno pregi e vantaggi. E’ comunque indiscutibile che nella guida fuoristrada il tubless incontra svariati limiti che lo rendono la soluzione non adatta. Tendenzialmente parliamo di pneumatici con spalle molto rigide che se usati a pressioni basse aumentano il rischio di stallonarlo dal cerchio. Sempre per lo stesso motivo il comportamento della gomma a bassa pressione è meno “gommoso” ed è quasi impossibile dargli quell’effetto mousse che con pneumatici con camera si raggiunge. Poi mettiamoci anche che qualsiasi gran botta che deformi il cerchio rischia solo di far perdere tenuta e trovarsi con la gomma a terra. La riparazione è comunque più pratica e semplice sostituendo la camera per poter ripartire rispetto a stallonare un tubless e poi?

      Per contro bisogna fare i conti con moto on-off dove l’uso su strada è comunque una realtà e oramai abbiamo moto anche da 200Km/h In quelle situazioni viaggiare con camera è sicuramente più rischioso che con i tubless. Capisco la scelta di molte case di offrire la soluzione no camera, come ktm, su moto che alla fine bisogna dirlo sono usate anche per turismo.

      Per il resto il problema viene meno. Scegliete la moto che volete, coi cerchi che vi trovate e poi siete sempre in tempo a sostituirli con altri in base alle vostre esigenze.

    • #146752
      Ribolson
      Membro

      Scritto da Theo il 05 nov 2015 07.32

      Opinioni e pareri.

      Ognuno preferisca quello che vuole. Sicuramente le due soluzioni hanno pregi e vantaggi. E’ comunque indiscutibile che nella guida fuoristrada il tubless incontra svariati limiti che lo rendono la soluzione non adatta. Tendenzialmente parliamo di pneumatici con spalle molto rigide che se usati a pressioni basse aumentano il rischio di stallonarlo dal cerchio. Sempre per lo stesso motivo il comportamento della gomma a bassa pressione è meno “gommoso” ed è quasi impossibile dargli quell’effetto mousse che con pneumatici con camera si raggiunge. Poi mettiamoci anche che qualsiasi gran botta che deformi il cerchio rischia solo di far perdere tenuta e trovarsi con la gomma a terra. La riparazione è comunque più pratica e semplice sostituendo la camera per poter ripartire rispetto a stallonare un tubless e poi?

      Per contro bisogna fare i conti con moto on-off dove l’uso su strada è comunque una realtà e oramai abbiamo moto anche da 200Km/h In quelle situazioni viaggiare con camera è sicuramente più rischioso che con i tubless. Capisco la scelta di molte case di offrire la soluzione no camera, come ktm, su moto che alla fine bisogna dirlo sono usate anche per turismo.

      Per il resto il problema viene meno. Scegliete la moto che volete, coi cerchi che vi trovate e poi siete sempre in tempo a sostituirli con altri in base alle vostre esigenze.

      Condivido pienamente quello che dici, questo chiude il discorso!

       

    • #147150
      WHALE
      Membro

      Scritto da Theo il 05 nov 2015 07.32

      Per contro bisogna fare i conti con moto on-off dove l’uso su strada è comunque una realtà e oramai abbiamo moto anche da 200Km/h 

      Riprendo questo dilemma perché proprio oggi ho forato.

      Stavo rientrando a casa sulla superstrada ad andatura normale 110/130 km/h quando si accende la spia pressione delle gomme…prima giallo e dopo pochi km rosso. La pressione, che di partenza era 2,9, scendeva in modo preoccupante…1,9…1,8…1,7…1.6…fino a 0,8 quando sono entrato ad un distributore.

      Non era un chiodo ma un pezzetto di lamiera che mi ha forato lo pneumatico. Messo il tassello e aspettato il tempo di un caffè ho gonfiato la gomma e sono rientrato a casa.

      L’episodio mi ha fatto sorgere una domanda: e se al posto dei tubeless avessi avuto la camera d’aria? Avrei avuto il tempo di accorgermi della foratura? 

    • #147151
      Theo
      Amministratore del forum

      Non ho mai provato l’esperienza camera/130/lamiera e non ci tengo. Non sò risponderti ma il rischio è che sicuramente possa essere indubbiamente più pericoloso

    • #147154
      WHALE
      Membro

      Infatti…il rischio è quello visto che le usiamo prettamente su strada.

       

      Non ha importanza, dal mio punto di vista, piegare un cerchione fuoristrada (per quel che faccio…) e non riuscire più a tenere in pressione il tubeless…il problema che sorge è quello di riportare la moto a casa (comunque sapendo il rischio posso sempre portarmi dietro una camera d’aria e rientrare…); diversamente se foro in velocità su strada, carico e con moglie al seguito e con la camera d’aria…il problema che sorge può essere di incolumità.

      In 13 anni che vado in moto ho forato solo tre volte…e tutte e tre su strada e tutte e tre con tubeless, non oso pensare se avessi avuto la camera d’aria. 

      La scelta della camera d’aria su moto come le nostre mi sembra un tanterellino anacronistica…

    • #147159
      Theo
      Amministratore del forum

      Infatti resta solo su moto dove non è il turismo il loto target ideale.

    • #147160
      WHALE
      Membro

      Scritto da Theo il 20 dic 2015 18.13

      … non è il turismo il loto target ideale.

      Giusto…su strada cariche di valige, con passeggero a seguito e gomme semistradali (…escono dal conce con le tassellate…) non le vedremmo mai…

      Magari montano di serie l’ABS e il controllo di trazione per esser più sicuri…magari…

       

      Toccherà andare sulle mulattiere per vederne qualcuna…un po’ come per gli stambecchi…

    • #147161
      Theo
      Amministratore del forum

      O al bar ????

    • #147162
      zanzalazanzaraganza
      Partecipante

      Scritto da WHALE il 18 dic 2015 20.22

      Scritto da Theo il 05 nov 2015 07.32

      Per contro bisogna fare i conti con moto on-off dove l’uso su strada è comunque una realtà e oramai abbiamo moto anche da 200Km/h 

      Riprendo questo dilemma perché proprio oggi ho forato.

      Stavo rientrando a casa sulla superstrada ad andatura normale 110/130 km/h quando si accende la spia pressione delle gomme…prima giallo e dopo pochi km rosso. La pressione, che di partenza era 2,9, scendeva in modo preoccupante…1,9…1,8…1,7…1.6…fino a 0,8 quando sono entrato ad un distributore.

      Non era un chiodo ma un pezzetto di lamiera che mi ha forato lo pneumatico. Messo il tassello e aspettato il tempo di un caffè ho gonfiato la gomma e sono rientrato a casa.

      L’episodio mi ha fatto sorgere una domanda: e se al posto dei tubeless avessi avuto la camera d’aria? Avrei avuto il tempo di accorgermi della foratura? 

      mmmm….no….la camera d’aria si affloscia all’istante o quasi…con conseguenze disastrose…provato più’ volte con la 50special 

    • #147163
      WHALE
      Membro

      …è evidente la pericolosità di una camera d’aria su strada…la mia era una domanda ironica…

    • #147167
      JOR
      Partecipante

      Ebbene si, fu eseguito il lavoro di trasformazione tubeless sui cerchi originali del K990 anche se l’anteriore non ha un bordo anti stallonamento appropriato.

      Decisi di utilizzare il sistema a resina di una ditta dalle parti di Pavia mi pare, quando durante un cambio gomme ho appurato

      le condizioni della camera aria del posteriore nella zona valvola. La potenza della moto anche se non smanetti al limite è tale

      da provocare una velocità di rotazione diversa tra cerchio/gomma e camera, portando la zona di inserimento vicino allo strappo.

      Per pochi km di off leggero il rischio è più che bilanciato dall’ avere molta più sicurezza su asfalto.

      Recentemente ho visto un sistema che , se disponibile per le misure delle attuali on /off potrebbe essere valido:

      Si fora il cerchio vicino al foro esistente del passaggio valvola, e si monta una gomma interna abbastanza resistente che ha il

      duplice scopo di aiutare il bordo del tubeless a rimanere in sede anche a pressioni più basse del normale, in più in caso di

      foratura ( o anche di leggera piega del bordo cerchio) permette di mantenere ancora decentemente gonfia la ruota

      Una sorta di mousse da gonfiare.

      Lampeggi.

      Jor

    • #147168
      JOR
      Partecipante

      Ovviamente se lo scopo è off + serio , allora si deve partire con i cerchi già completi di gomma tassellata e camere di scorta.

       

Visualizzazione 13 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.