Partenza dal rifugio Allavena in località colla Melosa (IM), giro sulla Via del Sale fino a Limone Piemonte (CN), discesa a Tende via Casterino e risalita da La Brigue di nuovo al rifugio. Esistono cose che i vostri occhi….. La Via Del Sale. Bisogna percorrerla per capire cosa vuol dire e apprezzarla fino in fondo. Chilometri e chilometri di terra e sassi in paesaggi spettacolari. E il bello è che è veramente tutta come nelle foto! Decine e decine di chilometri con lo stesso spettacolo. Consigliata vivamente una modo adatta, quindi un mono! Per la spedizione NetRaiders si sono sfidate le leggi della natura facendo fare tutti i 100 e passa Km del percorso a 3 super pesi massimi… Theo e Harneck Varadero 1000 e Zoran Caponord 1000. I bisonti hanno solcato lo storico percorso facendo sudare (almeno personalmente) non poco soprattutto sulla pietraia ma regalando fortissime emozioni. Bastano pochissimi metri per salire in quota e aprire il gas con un solo pensiero: “Succeda quel che succeda, ma qui bisogna divertirsi”

Di seguito Foto e resoconto By ZORAN

Via del Sale 2003 by ZORAN

circa mille e duecento km di autostrada per farne un centotrenta di sterrato qualcuno potrebbe dire che sono pazzo furioso!  ma ragazzi ve lo dico col cuore ne è valsa la pena! Sono partito da casa che non sapevo ancora a cosa andavo incontro ma comunque eccitato  come un adolescente … lungo la strada mi incontro con la delegazione trentina Biros e Cactus  anche loro eccitantissimi ed ignari. comunque si riparte direzione Liguria e come al solito non passa veramente na sega …  decidiamo intanto di fare deviazione per prendere un caffettino dal Muffetto ovvero Winno il quale sfoggia il  suo  Kappone appena comprato un oretta di chiacchiere e via. arriviamo  al punto di incontro con giampa e bruno(il marmitta πŸ™‚ dopo incolonnamenti vari e raffiche  di vento varie  in clamoroso ritardo! riprende subito la marcia verso il rifugio dove ci  aspetta  la gestrice  abbastanza incazzatella per il ritardo ma ci  da  comunque da mangiare. dopo un oretta arrivano theo e harneck un po’ di chiacchiere qualche sigaretta ammirando il buio le stelle e il silenzio delle montagne e via a nanna che domani è il  gran giorno! suona la sveglia e subito dopo eravamo gia pronti ..colazione  e fuori a preparare le moto e aspettare Fable con i  suoi  due amici che puntualissimi vediamo arrivare dall’alto della montagna , pensando ma dobbiamo passare anche noi di li?


Foto di rito e via! poco dopo tra me e me penso ” azzo cominciamo bene fondo duro, sassi e polvere” , 10 min dopo inauguro il parasassi facendoci un bel buco atterrando su un sasso appuntito dopo un salto… cazzo diamoci una svegliata!  e via curva dopo curva si prende confidenza col nuovo manto stradale notando che il Cn si comporta bene pure lui! i panorami cominciano via via a farsi sempre piu suggestivi e il tempo è fantastico anzi cominciava a fare parecchio caldo infatti alla prima sosta via tutte le imbottiture….cicca e via di nuovo! i km si susseguono tra panorami mozzafiato adrenalina polvere e facce sempre piu soddisfatte  πŸ™‚ fino alla famigerata pietraia!


minchia non è mica semplice portare una moto da 230 kg su sassi di dimensione di pompelmi … ovviamente harneck non fa testo lui  continuava a seguire e spesso anche a guidare il gruppone dei leggeri galleggiando tra le pietre! io e il theo invece diciamo di aver sudato sette camicie per fare quei pochi km! e come se non bastasse fuoristrada e biciclette che ogni tanto ci si paravano innanzi! ma alla fine siamo arrivati anche noi! e li uno spettacolo persino un po inquietante sembrava di essere sulla superficie lunare , sassi pietre cime   tutto bianco …che figata! A questo punto diciamo che eravamo gia belli cotti e soprattutto ben impolverati πŸ™‚ , beh e ora di pranzo e sentiamo per cel rufus gigi e lu che ci aspettano al ristorante , rimontiamo sulle moto direzione pappa! Arrivati all’incontro dove troviamo i stradisti che ci guardano entusiasti e con un pizzico d’invidia nel vederci tutti  cosi impolverati ed esaltati …..si mangia si beve ride e scherza come ad ogni mangiata net ….  lezione di penne dal mastro bruno marmitta … e salutati gli stradisti si riparte direzione baita naturalmente rigorosamente via sterrato πŸ™‚


il ritorno diciamo che è stato fenomenale, i paesaggi mutavano cn il passare dei chilometri, e nel frattempo cominciava anche a far buio e a calare le nuvole uno spettacolo! beh ora basta raccontare , quello che ho scritto finora è solo una piccolissima parte di quello  che è stato, le emozioni a parole sarebbero sminuite…la via del sale deve essere rifatta non vi resta che che venire per capire !!!


0 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.