Theo: Una giornata di puro divertimento che più non si può pretendere!!! 7/8 motazze ribelli nei boschi di Giampa che rombavano e sparavano pietre… Mamma mia che roba, non mi ero mai divertito cosi tanto, forse perchè mai ero uscito con cosi tanta gente assieme… I passaggi tosti, gli aiuti, le spinte ecc… Un grande circo insomma!!! L’XRina si è comportata divinamente e sembrava un carro armato, saliva ovunque borbottando col suo motorazzo!! E questa volta non ho neppure visto la madonna nella mula che mi incitava ad aprire il gas ;-)))) appena mi mandano le foto ve le proporrò perchè laggiù da giampa c’è da dar dentro all’infinito!!! Posti bellissmi, mai difficili se non in qualche tratto ma veramente breve (< 50 metri) e comunque fattibili con un po’ di culo e aiuto 😉 Buuuuu Buuuuuuuuu Buuuuuuuuu

Scal: é un miracolo che riesca a battere sui tasti. Giampa e la sua masnada di compari hanno fotto il solito giochetto … ora li facciamo morire …. e per quanto mi riguarda ci sono riusciti in pieno …. alla fine se Biros e Fugzu non si fossero non prestati … ma regalati per aiutarmi in un paio di pezzi la mia moto sarebbe ancora lassè e probabilemte anche io addormentato in qualche anfratto. Dopo 3 ore ero sfinito, con crampi alle mani da non riuscire ad aprirle … ed ho deciso che per me il fuoristrada … e troppo bello … dunque bisogna allenarsi di più. Sorprendente Theo che ha mantenuto fede alla fama dei bergamesci e delle mule bastrde … andava su come un trottolino, mai in difficoltà … poi c’era un ragazzo con un 50ino portato a nonsocosa che filava come un razzo. Fugzu che ci ha fatto provare un po d’Islanda con i soffioni di fapore della Beta, giampa il solito pazzo furioso … grande compagno … Lorenzo il più lontano quello che p arrivato a casa tardissimo … grandi amici …. un pensiero ad Harneck che ci manca e che vogliamo presto con noi a farci vedere come si fa.

Gardo: Che spettacolooooo!!!!!!!!!! ieri mi sono propio divertito penso sia stato uno dei giri più belli che io abbia mai fatto prima d’ora ma tutto il merito va a tutta la compagnia perche comunque tutti bene o male sono arrivati alla meta(casa di giampa ) a !!!! poi nessuno a parlato della merenda a fine giro: quatro taglieri di salumi che ci siamo fumati via e da li anche scal che ha faticato come una bestiaaaaaaaa si incominciava a sentire meglio. il giro è stato lungo e faticoso ma ne è valsa la pena. ciao e alla prox

Fugzu: Beta, sponsor ufficiale Pasta Barilla! Al prossimo giro porto un po’ di sugo e due spaghetti, Giampa ci mette il parmigiano… Praticamente ha bollito l’acqua tre volte, la prima delle quali ha stappato via il manicotto dal cilindro. Anche le plastiche hanno ceduto. Sinceramente non mi sembrano cose serissime ma piccoli aggiustamenti a cui, purtroppo, siamo sempre più abituati facendo da tester. Stasera la porto dal mecca e la faccio sistemare ben bene. Per il resto sono davvero felice perchè si è comportata bene su un fondo difficile, ora pietraia, ora pietraia e fango scivoloso. Un grazie particolare va però a Gino, il Davvy Crochet (si scriverà così?) che ci ha fatto fare un giro da paura, su e giù per gl’irti colli, in mezzo a fresche frasche, guidando da professionista (mi piacerebbe davvero prendere lezioni da uno così). Spettacolare Gardo col suo Kappino 50ega truccato più di Moira Orfei che saliva su per le pettate come una biscia, Biros che ha fatto i fanghi a Giampa, Scal con una gomma posteriore da speedway su asfalto (ci credo che eri stanco!), Theo che va come una lepre ed il mitico Cesare che non si è mai sgomentato ed è sempre arrivato ovunque (grande mezzo la Alp 4.0!). Che giornata! Da ripetere!!!!

Biros: Il giro. Non mi viene in mente altro titolo. Che dire del giro? Troppe salite, troppe pietre e poi quelle pozze schifose piene di fango annegato in un acqua melmosa che quando entri prima ti raccomandi l’anima a Dio, poi, nel bel mezzo, scopri con terrore che è anche peggio e ti raccomandi a tutti i santi che la moto non si spenga, e, alla fine, tiri un sospiro solo perchè non sai ancora che la prossima pozza è dietro quella curva!! E le discese tra le rocce, che ci arrivi, certo che ci arrivi, ma quando sei li ti viene da pensare a chi sarà mai quel matto che ha pensato che era una via percorribile a degli esseri umani…. e la rampa che ti porta alla cima, larga, si, rettilinea, si, senza sassi, si, che ci vuole? CHE CI VUOLE??? Non mi avevano mica detto che era spalmata di sapone!!!!! E la moto va di qua, va di la, va dove le pare meno dove vorrei io. Ma vi pare roba da persone per bene??? E cosi metro dopo metro, km dopo km, ci lasciamo alle spalle di tutto, pezzi di stress, fette di ansie, fatiche di vivere… e come in ogni buona magia le mente si rilassa, si distende assieme al poderoso motore che ti spinge fedele verso la gioia di essere li, sudato e sempre più stanco ma finalmente sereno. Compagni di giro. Come te li aspetti anzi meglio. Certo, sappiamo quali squisiti personaggi si aggirino tra i net e dintorni ma poi ti sorprendi sempre un pò a scoprire quanto questo sia vero. Grazie ragazzi, siete stati una compagnia impagabile. A quando la prossima? (Giampa preparati!!!) Carlo sbrigati a ritornare tra i vivi, abbiamo bisogno di alcune dritte su certe situazioni bastarde… Un abbraccio, Biros


0 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.