orobie

Il nome non promette nulla di buono ma il meteo si, quindi decido che farò parte della compagnia.

Questa volta ci sono anche delle sorprese.

Si comincia con il passare il venerdì sera assieme alla Theo’s Family , Macello e Ciri alla festa paesana dove pullulano i Casonsèi e per la prima volta riesco a ficcare il faccione di Theo su Facebook.

casoncelli alla bergamasca

La mattina del sabato, con precisione teutonica , ci incontriamo a Mapello con V750, Sacks, Wolf77,StelvioV8 e Zivas.

Il giro è quello che il Pres ha pensato nelle precedenti notti insonni, ci fidiamo ciecamente anche perchè ha mandato deliberatamente in preview delle mappe mute e dei file per Garmin inservibili !!!

Tralasciamo tutti i dettagli relativi ai panorami, i nomi dei posti ecc. e andiamo al sodo anche perchè si parla da anni oramai di Crocedomini, Maniva ecc ecc….

345 km di curve! Come tappa per chi è partito da casa la mattina, non è male. 

Sul Computer on board di uno Stelvio a fine giornata si legge :

640 km e 11 ore di guida.

Questo è il vero spirito Net !!!

Credo che sommando tutti i rettilinei non abbiamo percorso più di 5 km di strada dritta.

Tutto per infilarsi poi alle 19,00 inuna baita a 1500 m.s.l.m. dove non c’era nessun’altro se non la signora che gestiva …. parliamone, forse sarebbe già stato un buon motivo :-)))

Detta così è evidente che ci si prende solo dei “deficenti” ma sintetizzo cosa vi siete persi.

Ho visto

MotoGuzzi portate come non avrei mai creduto su percorsi allucinanti sotto l’aspetto delle condizioni delle strade. 

Un sincero complimento a StelvioV8 alias Gaetano eVsettecinquanta nonchè Claudio, per la dimestichezza con la quale guidano quei “ferri” (in senso figurato del termine).

 

 

guzzi stelvio croce domini

 

guzzi california croce domini

Ho visto

VStrom 650 tenerci il passo e scoprire che è avezzo al deserto ed ha già percorso 130 Mmetri molti dei quali in solitario … gasp… conterei di far cambiare idea a Giorgio sull’andare via solo, lo chiamerò progetto “two is better than one” per il quale c’è bisogno della collaborazione di tutti.

 

vstom

 

Ho visto

Transalp 650 con i pistoni “fuori dalle orbite” sempre là davanti per scalare pendenze che hanno messo alla frusta anche le maxi, salvo poi lamentarsi che consuma troppo olio…. Ziv vai bene a fare un giro, vè!

 

zivas

 

Ho visto

un CrosTourer Rosso per la prima volta indugiare cercando di schivare una prova speciale su polvere, poi portata a termine senza problemi. Forse Giuseppe ha fatto ancora pochi km con questo arnese !o forse non stava benissimo di salute poiché alla cena del sabato dopo solo tre minestre due pietanze, contorni, vino e grappe ha detto “ passo “al dolce… tutto si spiega a questo mondo.

 

passo croce domini

ciri passo vivione

Ho visto

finalmente per la prima volta,

un Cros Tourer Bianco con sopra una “testa rossa”, dopo che l’ultima volta l’avevo vista su un Vara piegato in due a Villach!

 

sacks

Ho visto

Il Principe “a casa sua” portato da un fantino veramente in forma (on&off). Il prossimo che lo appella come “fermone” è bene che si sciacqui la bocca subito dopo!

lc8


lc8

 

Ho visto

un ex eccellente che pure di “restare nel giro” ha aperto le porte di “Baita” offrendo ristoro ai viandanti Net… ma fortunatamente non in guepier ma con carbonella e VinBon.

 

 

la baita orobica netraiders

Ho visto

Il Pres davvero soddisfatto perchè i suoi discepoli hanno risposto perfettamente ad unisono alle diverse prove alle quali sono stati sottoposti…. stardissimo, aggiungeva sterrati a sterrati anche dove questi erano perfettamente inutili al percorso!

 

 

r1200gs sterrato

 

Ho sentito

sotto di me un animale meccanico con il quale ho già scorrazzato per 12 Mmetri e non ho ancora trovato il coraggio di usarlo per quello che può dare anche perchè quello che gli ho chiesto è già abbondantemente sufficiente per godere.

 

by peter

 

Unica nota tecnica da segnalare, le considerazioni del buon Gabriele che, se da un lato ha tentato invano di far desistere gli astanti dal nutrirsi di animali vivi o morti che siano, ha consigliato di utilizzare per i grandi spostamenti percorsi alternativi all’autostrada adducendo motivi di risparmi significativi.

Tornando a valle, visto che potevamo permettercelo, abbiamo sperimentato la Transpolesana nel tratto Verona-Rovigo a velocità compresa nel display del Comp.on board, tale da consumare nell’intorno di 4,5 l./100 km e rispettare il limite di ca 110.

Risultato, tempi per raggiungere la meta, pressochè confrontabili a quelli autostradali, consumi decisamente più bassi e pedaggi ridotti alle poche tratte percorse.

Quindi di questi tempi il consiglio è di adottare la linea “economica” facendo tra l’altro anche molta attenzione a dove fare il pieno poiché le differenze si notano molto su percorrenze che per tour come questo si aggirano sui 1000 km in un solo w.e.

Ai prossimi km.

Flash Flash By Peter


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.