E’ domenica pomeriggio, mi alzo dal divano e guardo in giro, un po’ sparsi in giro ci sono i rimasugli di questo fine settimana: la borsa con i pochi cambi, il casco ed i guanti.


Ho uno rapporto particolare con i guanti da moto, li compro, e se non fanno un tutt’uno con le mie mani non li uso, pretendo molto, trovo a fatica un feeling che ritengo indispensabile, poi quando li trovo, uso sempre e solo quelli, quasi sempre estivi, li uso fino a che non si tengono più insieme. Allora come a volte mi capita, prima di metterli a posto, li indosso, la mano entra circondata, loro ne hanno assunto la forma con il tempo e mi trasmettono piacevoli sensazioni, le mie mani con i guanti sono il mio mezzo di comunicazione con la moto.


Rivivo le sensazioni, che sono scappate troppo velocemente:


I tuboni del varadero di Biros grande “magister velocitate” Quelle 3 ore di curve a palla, con la motina che mi da sempre tante soddisfazioni.


Lo sguardo un po francese dei fanali della moto del Cocco negli specchietti


Una transalp nera guidata niente male, ma lei si scernisce (secondo me perchè vuole sentirselo dire che guida bene).


Un battesimo del fuoco superato egregiamente, ora basta prendere consapevolezza.


Quella file di moto che si snoda, noi a percorrere le stesse emozioni.


Tutti quegli amici con cui scambiare impressioni racconti, quel sentirsi sempre a casa ovunque siamo.


Ecco i miei guanti, sono speciali, loro sanno tutto (anche che Biros a volte mi aspetta, perchè lui da solo si diverte di meno), auguro a tutti di trovare un paio di guanti “vostri” o forse basta una qualsiasi emozione.





Macello mi sei mancato …molto!





Bladerunner:


IO c’ero ! :)) poco poco in auto, ma c’ero


Ho visto tutti Voi con grande gioia, peccato l’assenza forzata di qualche Grande Amico, graditissima la sorpresa fatta da Atlas e graditissima la vista di un nuovo motociclista Strafys; sono stato bene come sempre, tranne quando la colonna si è messa in marcia ed è schizzata via.


In quel momento sono impazzito per l’invdia e la giornata non è stata più la stessa.


Mi secca il non venire più in giro con rachel ma prometto al più presto toglierò la polvere sia dal TA che dalla mia mente.


UN GRANDE ABBRACCIO A VOI TUTTI GRANDI E PICCOLI NET.





Zivas:


Dopo ogni raduno Net si dicono sempre le stesse cose, ma non ci si può fare niente, è tutta verità. Tanto divertimento e stupenda compagnia, oltre ai bellissimi giri fatti.


A questo raduno in particolare due cose belle accadute: la ricomparsa di Atlass e il battesimo in moto da guidatrice per Strafys.


Per tutto il resto, come al solito impeccabile organizzazione e per fortuna pure il tempo ci ha assistiti perfettamente. Grazie a tutti, i Netraiders sono imbattibili come sempre





Download:


Tracce GPS

 

L’organizzazione:





Percorsi tra Tirolo e Veneto… belle strade perlopiù inedite, valicando quello che era il vecchio confine italiano con la regione del Tirolo, da fare insieme sabato 2 giugno 2012.

Questa è la proposta di quest’anno per l’incontro in Trentino;





AGGIORNAMENTI PER IL RADUNO (31/05/2012):


Venerdì pomeriggio sarò a disposizione per chi arriva, il mio cell. 3383939370 per ogni eventualità.


La strada per arrivare in albergo i più la conoscono, ma in ogni caso per chi arriva dalla A22; uscita casello di Trento SUD, tenere sempre le indicazioni per VICENZA, giunti a Vigolo Vattaro proseguire per Vattaro e successivamente si raggiunge Pian dei Pradi dove sulla destra troverete l’Hotel al Pian.


Sabato prevedo la partenza del giro alle 8.30 puntualmente BENZINATI e COLAZIONATI per benino, in modo da non dover fare spicciole soste per rifornimenti o quantaltro. A presto, abbraccio a tutti, Ciri!!!





AGGIORNAMENTI PER IL RADUNO (21/05/2012):


– ho sentito Mike, rimane solo una stanza disponibile dove possono alloggiare anche 4 persone.


– da fonti attendibili Spezialist ha appreso che la strada della Val Daone verrà resa agibile verso la fine della prossima settimana, ovvero verso la fine del mese, tantochè riusciremo a raggiungere il Lago di Bissina e che il locale tipico adiacente aprirà proprio l’ we del raduno. (dettagli a seguire…)


– ieri… (ovvero sabato 19 maggio) con Vindea abbiamo fatto il Praderadego e il S. Boldo per provare quel tratto del giro del sabato e abbiamo pensato di escluderli dagli itinererari perchè troppo lenti, difficili a far tenere unito un folto gruppo e sicuramente ci farebbero perdere la possibilità di percorrere tratti paesaggisticamente più interessanti come il Parco delle Dolomiti Bellunesi e il Passo Cereda, e concludere in bellezza col Passo del Brocon. La pausa per un frugale e veloce pasto potrebbe essere a Gena di Sospirolo nella Valle del Mis, perciò ho rimodulato il giro che diventerebbe questo, molto più sostenibile





Il giro del sabato:

…dal Passo Vezzena ad Asiago, passato il ponte di Bassano dove “ci darem la mano ed un bacin d’amor…” saliremo al Monte Grappa, Praderadego e il San Boldo, da Trichiana al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e il caratteristico paesaggio del Cereda… sembra un po’ impegnativo ma si può fare, tantochè giunti a Castello Tesino o ancor prima a Fonzaso (il tal caso saltando il Brocon) si può tornare per le vie brevi.

La domenica


Pensavo di trascorrerla così; non è vero che solo i giri che si chiudono ad anello sono i soli perfetti… la Val Daone è una valle chiusa ma di ineguagliabile bellezza, la più lunga del Trentino, ai piedi del Carè Alto nel gruppo dell’Adamello. Nella cartina che ho preparato allegata a fondo pagina, P=partenza, A=arrivo, circa 100km (con GoogleMaps non ci si riesce) lasciata la valle del Chiese sono 30km per arrivare al Lago di Malga Bissina, inizio della Val di Fumo. Qui c’è un localino dove consumare un pasto molto ma molto tipico, per chi vuole, e poi far ritorno scendendo dalla Valle del Chiese verso Brescia e imboccare la A4 per rientro a casa.

Adunata all’Hotel al Pian da Mike, www.hotelalpian.com che ci ha dato la sua disponibilità per i giorni dell’1-2-3 giugno, mentre sarebbe stato già occupato per l’WE successivo visto che in occasione del Corpus Domini, c’è un gran movimento di tedeschi e austriaci che in occasione di questa festività hanno alcuni giorni di ferie.

Ci viene accordato lo stesso prezzo dell’anno scorso; per persona a notte con trattamento di mezza pensione e bevande incluse ai pasti:

€42,00 in camera doppia

€46,00 in camera singola

Per la prenotazione: www.hotelalpian.com o chiamate il numero tel. 0461846945 chiedendo di Michele.





RACCOMANDAZIONE IMPORTANTE: non ci viene chiesta nessuna caparra, bonifico, vaglia, postepay o quant’altro; quindi se dopo la conferma verbale della prenotazione dovessero sopraggiungere imprevisti, vi chiedo di informare immediatamente l’Albergo per rendere disponilibe la camera ad altri eventuali avventori.

(sembra cosa scontata, ma l’anno scorso qualcuno non è stato così tempestivo…)

Categorie: 2012

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.