Eccomi qua, reduce dal raduno che ho organizzato 10 anni dopo il primo Umbria 2002.


Certamente non spetta a me valutare la qualità e l’ospitalità della struttura e la bontà dell’organizzazione, certamente saranno gli altri a farlo.


Quello che mi preme sottolineare, casomai ce ne fosse bisogno, è che è stato un raduno come tutti gli altri, cioè con tanta allegria, amicizia e divertimento, con alcune particolarità.


La prima di cui voglio parlare è stato il battesimo motociclistico Netraiders della Coccodrillina, che per la prima volta con la sua moto si è fatta tutti i giri previsti senza alcun problema (a parte qualche spegnimento della motina dovuto a un problema di depressione sul serbatoio della benzina, che comunque non l’ha messa in difficoltà più di tanto).


La seconda che mi preme ricordare è che questo è stato il primo raduno della nostra storia fatto con un amico in meno che non potrà mai più partecipare, ma che noi ricorderemo sempre come se fosse tra noi: Bibendum.


Grazie a Macello e a Ciri per aver indetto a tavola un paio di doverosi brindisi alla memoria.


La terza cosa particolare è stata la comparsa della moto nuova di Ciri e Bruna; dopo tanti anni con la gloriosa Transalp rosso amaranto, si sono presentati con una fiammante XTourer…rosso amaranto!


La quarta cosa particolare è stata la ricomparsa del mitico Gunny in sella alla TDM, e di Pilotino sempre con la Caponord, dopo tantissimo tempo che questi due non incrociavano le ruote con il nostro gruppo.


Poi si sono aggiunti al gruppo 5 nuovi amici che sono sicuro torneranno a farsi vedere visto il buon esito dell’incontro.





Il tempo ci ha assistiti e anche se non abbiamo potuto svalicare il Terminillo causa neve che ostruiva la strada, non abbiamo perso nulla perchè siamo tornati indietro ed abbiamo completato il percorso in senso contrario; inoltre questo piccolo inconveniente ci ha consentito di percorrere il bellissimo tratto di strada che da Leonessa va a Posta, che sapevo essere bello ma che anche io non avevo mai gustato prima.


Il secondo giorno pure c’è stato un piccolo fuori programma: dal momento che eravamo in forte anticipo, dopo essere saliti a Castelluccio ed aver fatto una lunga sosta per comprare i panini, siamo scesi dal lato marchigiano fino a Visso, per poi prendere la Valnerina per un breve tratto e deviare a sinistra per Preci, per raggiungere l’abbazia di S. Eutizio e fare lì la lunga pausa pranzo, inizialmente prevista nell’incasinatissima Castelluccio.


A seguire, lunga sosta a Norcia dove Theo e Sacks ci hanno abbandonati per un pò per salire a fare foto e curve verso Forca Canapine. Ci siamo ricongiunti dopo per fare l’ultimo tratto di Valnerina, poi Sant’Anatolia di Narco, Monteleone di Spoleto, Leonessa, Morro Reatino e rientro a Rieti.


L’ultimo giorno è stato molto ricco in quanto siamo riusciti a salire sull’altipiano di Campo Imperatore (anche se non a salire all’osservatorio, ma poco importa), a farci una bella sosta pranzo sulle rive del lago di Campotosto, e a rientrare talmente presto da permetterci pure il giro del Lago del Salto come ciliegina finale.


Ieri per il rientro ho permesso a chi non c’era mai stato, di vedere le rive del lago di Piediluco, la cascata delle Marmore, Spoleto, e tutti i paesi che è possibile vedere percorrendo la Flaminia lungo tutto l’appennino centrale.





Ringrazio tutti per la partecipazione, per chi organizza la soddisfazione più grossa è capire quando si è colpito nel segno e si è riusciti a far divertire gli intervenuti.





Immagino che non aspetterò altri 10 anni per organizzarne un altro, ma serve sempre lo stimolo di qualcuno che chiede esplicitamente che ciò venga fatto, come è successo stavolta.


Penso che la prossima volta mi focalizzerò o sull’Umbria centrale, oppure sulla zona di confine tra Marche, Emilia Romagna e Toscana.





L’Organizzazione:





Incontro netraiders 2012 – Centro Italia (Dal 28 aprile al 1 Maggio 2012)


(by Zivas)



Campo Base:


Albergo Ristorante Valentino – Vazia, Rieti.


contatto e-mail info@hotelvalentinorieti.it all’attenzione di Rosa

Informazioni confermate via e-mail dalla gestione dell’albergo.


25 euro in camera doppia a persona
20 euro per la cena bevande incluse
opzione per la prenotazione 20 aprile 2012
 acconto 30% alla conferma
IBAN: IT 06 J 06040 14600 000000 125325




Istruzioni:


1) Come sempre, ognuno provvederà alla propria prenotazione contattando direttamente l’albergo. Tel. 0746/220247


2) Effettuate la suddetta prenotazione specificando anche Nickname e ‘Raduno Netraiders’


3) Inviare la caparra.


4) Far avere a ZIVAS gentilmente una e-mail a prenotazione effettuata, con le date e numero partecipanti, nonchè gli orari previsti per l’arrivo all’hotel, per gestire meglio le partenze per i giri del primo e secondo giorno (dobbiamo sapere chi aspettare e chi no).





ARRIVARE ALL’ALBERGO:


Siete certamente tutti GPSsati, quindi non avrete difficoltà a ritrovarlo, ma per chi ancora non lo fosse, inserisco queste indicazioni.


Arrivate a Rieti dalla strada che preferite. Una volta arrivati dovete seguire sempre le indicazioni marroni per il Terminillo. Se vi accorgete che la strada inizia a salire decisamente, allora vuol dire che siete arrivati lunghi e state salendo sul monte. Il paesino di Vazia sta proprio all’inizio della strada che sale (ma prima di iniziare a salire) e se proprio non lo trovate basta che chiedete, ma è molto facile.


L’albergo sta sul piazzale di un distributore della Total sito sulla via principale che lega il centro di Rieti alla strada del Terminillo. Potete anche vedere come è fatto in maniera semplice da google street view. L’ingresso è sul lato destro, dove c’è anche il parcheggio per le moto; il parcheggio è accessibile dal piazzale del distributore.





ITINERARI:


Per gli itinerari, sono fatti in maniera tale che se non ci stiamo con i tempi possiamo sempre tagliare qualcosa. In ogni caso di varianti se ne possono fare parecchie, tempo e meteo permettendo. Diciamo che per ora quelle pubblicate sono quelle ufficiali, poi vediamo.


Campo Imperatore è stato messo l’ultimo giorno perchè si spera che per quella data abbiano alzato le sbarre che impediscono l’accesso nel periodo invernale. Il giro del primo giorno è relativamente breve (pochi km ma il pomeriggio serve tutto) per fare in modo che partecipi anche chi viene da lontano (Sacks? Theo? ….); consiglio di esserci perchè è un bel giro.





Primo giorno


Secondo giorno


Terzo giorno


Per completezza e per chi lo vorrà fare, inserisco anche un itinerario per il


Quarto giorno


che durerà non molto e ci riporterà verso la costa adriatica (comodo per chi va verso nord).


Questo itinerario è una proposta che ci consente di andare dall’altro versante dei monti Sibillini; come giro non è da meno degli altri, per chi lo vorrà/potrà fare.





E ORA, SCATENATE L’INFERNO!





Nota: Naturalmente, con i vecchi amici non c’è bisogno di dirlo, ma siccome ci può essere qualcuno nuovo, la regola è che è solo un incontro tra amici dove ognuno è responsabile per sè per qualunque cosa e per la regolarità dei mezzi circolanti, e non esiste un’organizzazione ufficiale.

 

Gli Itinerari 


Primo Giorno







Secondo Giorno




Terzo Giorno









Quanto Giorno




0 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.